venerdì 15 settembre 2017

I colori delle emozioni / Anna Llenas

Questo bellissimo libro pop up parla ai bambini delle loro emozioni abbinandone ognuna ad un colore e descrivendo con frasi semplici come ci si sente ogni volta che si prova allegria, tristezza, rabbia, paura o calma.


Le emozioni vengono rappresentate attraverso il mostro dei colori che oggi si è svegliato un po' sottosopra e ha bisogno dell'aiuto di una piccola amica per rimettere ogni cosa al suo posto: ha fatto un pasticcio con le sue emozioni e così, tutte disordinate, non funzionano più.
La sua amica gli propone di metterle ognuna in un barattolo in modo che siano belle ordinate:
l'allegria è gialla come il sole splendente, brillante come le stelle e contagiosa come nessun'altra emozione
la tristezza è blu, lieve come il mare e dolce come i giorni piovosi
la rabbia è rossa come il fuoco che si fatica a domare
la paura, raffigurata col nero, ti fa perdere la fiducia in te stesso e ti fa sentire piccolo
la calma è verde come gli alberi e le foglie e ti infonde pace e tranquillità
Finalmente tutte le emozioni sono ben custodite in ogni barattolo e ora funziona tutto per il meglio!


Ho trovato questo libro davvero molto bello sia perché parla ai bambini delle loro emozioni in modo semplice ma non scontato sia per i pop up, bellissimi e mai banali, che si scoprono pagina dopo pagina.
Un libro che incanta e conquista pagina dopo pagina.

I colori delle emozioni
Anna Llenas
Edizioni Gribaudo
€ 19.90

Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di HomeMadeMamma



venerdì 1 settembre 2017

Oh, che uovo! / Eric Battut

Riprendo dopo una lunga pausa estiva con un libro pensato per i più piccoli per introdurre il tema della diversità partendo da tre semplici uova in un nido: una bianca, una nera e una con le macchie.

I primi ad uscire dal guscio sono l'uccellino bianco e quello nero mentre quello con le macchie rimane chiuso: gli uccellini però non vogliono un uovo con le macchie nel loro nido e cercano di buttarlo fuori.
L'operazione è più difficile del previsto e ben presto cadono tutti nello stagno ma gli uccellini non sanno ancora nuotare!
Dal guscio a macchie spunta una coda: lui sì che sa nuotare e i suoi fratellini si siedono sopra di lui per salvarsi.
E adesso sbucano anche due zampette e l'uovo con le macchie, così forte e veloce, porta gli uccellini verso casa. Davanti ad un precipizio sono costretti a fermarsi ma dal guscio sgusciano fuori due ali e l'uovo con le macchie porta tutti nel nido.
Adesso l'uccellino bianco e quello nero si sentono in colpa per aver cercato di cacciare l'uovo dal nido. Ed ecco che finalmente il guscio si rompe del tutto e sbuca fuori un uccellino rosso: i fratellini, mamma e papà sono felici di essere di nuovo tutti insieme!


Il primo istinto degli uccellini, così somiglianti ai loro genitori, è quello di non accettare l'uovo diverso da loro salvo poi ricredersi quando si rendono conto che l'uovo con le macchie, anche se respinto, sta facendo di tutto per prendersi cura di loro e portarli al nido sani a salvi.
In questa storia però sono presenti altre tematiche oltre la diversità come l'altruismo e l'amicizia ben rappresentati dell'uovo con le macchie.
Frasi ed illustrazioni semplici e immediate rendono questo libro adatto anche ai più piccoli.

Oh, che uovo!
Eric Battut
Edizioni Bohem
€ 7.80

Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di HomeMadeMamma


martedì 25 luglio 2017

Sigurta', a piedi nudi nel parco


Qualche settimana fa siamo stati al Parco Giardino Sigurtà, il parco vicino a Verona ricco di prati, viali fioriti e distese di fiori.
Per noi è stata la prima volta in questo parco che è stato una vera scoperta!
Bello e riposante passeggiare nei viali dagli alberi altissimi, meravigliosa la sensazione che ti regala camminare a piedi nudi nei suoi prati, una gioia per gli occhi ammirare le centinaia di fioriture che colorano questo parco che vanta una storia che risale fino al 1400.
Il parco, di ben 600.000 metri quadrati, si gira tranquillamente a piedi prendendosi delle pause sdraiati su una coperta nell'erba ma esistono anche altre forme per visitarlo: con il trenino, con la bicicletta oppure con i golf-cart.
Nonostante la numerosa affluenza, il parco si girava in tutta tranquillità stando comunque attenti al passaggio delle numerose biciclette e dei golf-cart.
Il mio Tito che in tutta sincerità non ama molto camminare, si è divertito a correre nei prati e a scoprire angoli fioriti bellissimi, a percorrere il labirinto (attenzione: non è così facile trovare la via d'uscita!! Soprattutto se come me non avete il senso dell'orientamento) e a vedere i giardini acquatici e la vasca con le tartarughe.
Vi lascio qualche immagine compresa quella di Tito che balla nel giardino delle piante officinali e le riposanti e rinfrescanti distese di ninfee: senza dubbio uno dei miei angoli preferiti!



venerdì 7 luglio 2017

Geronimo, Amedeo e le giraffe / Nicolas Gouny


Nella savana lontana lontana l'orsetto Geronimo incontra un branco di giraffe. Quando queste gli chiedono chi sia, lui risponde  molto serenamente di essere una...giraffa!
Le giraffe non sono molto convinte di questa cosa ed emettono il loro verdetto: sebbene Geronimo porti l'ombrello come loro e abbia il manto maculato come il loro, Geronimo è semplicemente un orso.
Amareggiato e triste il piccolo orso se ne va verso la montagna degli orsi che, credendolo una giraffa, se ne vanno spaventati.
Geronimo si ritrova nuovamente solo, fino a quando incontra Amedeo, un elefante che si crede una giraffa.
Dopo un primo momento di diffidenza, le due "giraffe" diventano i migliori amici del mondo e fondano un branco di giraffe tutto nuovo dove ognuno può essere ciò che realmente è.


Un albo molto colorato e dalle simpatiche illustrazioni dell'autore che porta con sé messaggi davvero importanti come la necessità di ognuno di sentirsi parte di un gruppo o di un branco, come in questo caso.
Geronimo non riesce a capire perché si trova escluso sia dal branco delle giraffe che dal branco degli orsi e questo lo rattrista molto fino all'incontro con Amedeo, un'anima simile alla sua.
Entrambi si sentono una giraffa, a dispetto di quello che possono pensare gli altri animali.
Un libro che parla in modo lieve e adatto ai bambini di diversità e dell'accettazione del proprio io, una storia di amicizia e dal finale molto positivo.

Geronimo Amedeo e le giraffe
Nicolas Gouny
Edizioni Terre di Mezzo
€ 15.00

Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di HomeMadeMamma

martedì 27 giugno 2017

Un premio inaspettato per Tito

Ogni tanto mi riaffaccio su questo blog ormai semi abbandonato e oggi lo faccio per raccontavi un premio speciale e inaspettato che ha vinto il mio Tito.
All'inizio dell'anno scolastico l'asilo ha organizzato un incontro con la biblioteca per incoraggiare i bambini e di conseguenza i genitori a frequentarla.
Come ulteriore incentivo nella biblioteca è stata messa la riproduzione di un grande albero dai rami spogli: ogni volta che un bimbo andava in biblioteca, la bibliotecaria gli assegnava un fiore del colore della classe da attaccare ai rami.
Tito frequenta la biblioteca da quando aveva 18 mesi e per noi è routine andarci almeno una volta al mese. Io personalmente ho notato che i primi mesi c'è stato un boom di bambini che via via è andato perdendosi. Purtroppo.
Venerdì scorso tutte le classi dell'asilo sono andate in biblioteca per la chiusura dell'anno scolastico e per fare un po' il conteggio dei fiori per ogni sezione e, per tutte le classi, c'è stato un libro regalo.
Ma la vera sorpresa è stata quando la bibliotecaria ha premiato il bambino che più di tutti ha frequentato la biblioteca durante l'anno: il mio Tito!
Sia per lui che per noi è stata una grande soddisfazione perché, anche se è vero che Tito è cresciuto in una casa piena di libri, è anche vero che questa passione non viene trasmessa semplicemente per il fatto che i libri se li vede sempre in casa ma perché è un bambino curioso che ama scoprire cose e storie nuove. Quindi a chi mi ha detto: brava mamma! io ho semplicemente risposto: bravo il mio Tito!
Il libro che gli è stato regalato si chiama La festa dei frutti edito da Babalibri: è un albo dalle belle illustrazioni che attraverso vari acconti di vita di campagna, spiega i frutti ai bambini e altre piccole curiosità. Ma di questo libro vi parlerò presto!





venerdì 9 giugno 2017

Chi vuole un abbraccio? / P.Wechterowicz, E.Dziubak

Come si fa ad avere un giorno perfetto?
Papà Orso non ha dubbi: per avere un giorno veramente perfetto bisogna abbracciare qualcuno.



Lui e il suo Piccolo Orsetto iniziano il loro viaggio attraverso il bosco chiacchierando allegramente e cercando qualcuno da abbracciare e a cui migliorare un po' la giornata.
Così il Signor Castoro tutto indaffarato nel suo lavoro, alla sera penserà a quell'abbraccio con un sorriso.
La Signorina Donnola, dopo aver preso un bello spavento per l'arrivo degli orsi, resterà commossa e felice.I coniglietti che avevano offerto le loro carote a papà e figlio, saranno felici e leggeri per tutta la giornata.
Il Signor Lupo, che ha tenuto un po' le distanze aspettando Cappuccetto Rosso, dopo l'abbraccio è talmente su di giri che nemmeno si accorge del passaggio della bambina.
Il Commendator Alce si fa dare un abbraccio come di deve e rimane tutto contento.
Con Madama Anaconda invece è una bella lotta a chi abbraccia più forte fra lei e Papà Orso!
Il viaggio continua elargendo abbracci ad un piccolo bruco che deve fare il bozzolo e persino ad un cacciatore.
Verso sera Papà e Orsetto rientrano a casa incontrando sul loro cammino altri amici da abbracciare.
Per entrambi il bilancio della giornata è più che positivo e vogliono ripetere la giornata degli abbracci al più presto. Ma, all'improvviso, Orsetto si rende conto che manca ancora qualcuno da abbracciare: si guardano, si sorridono e si stringono forte.


Questo libro è davvero molto dolce e racconta, con grande semplicità, quanto siano belli i gesti d'amore soprattutto quando vengono donati ma solo per la gioia di chi li riceve, senza aspettarsi niente in cambio.
Le illustrazioni sono molto belle e rispecchiano bene i sentimenti dei protagonisti raffigurati.
Un libro consigliatissimo!

Chi vuole un abbraccio?
Przemyslaw Wechterowicz e Emilia Dziubak
Edizioni Sinnos
€ 11,00

Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di HomeMadeMamma



giovedì 8 giugno 2017

Festa di compleanno a tema Superpigiamini

Sabato scorso il mio Tito ha compiuto 5 anni e l'abbiamo festeggiato con una festa a tema Superpigiamini.


Come tanti bambini della sua età, anche lui è in piena fissa con Gattoboy, Geco e Gufetta e devo dire che questo tema è stato molto facile da sviluppare e con una spesa davvero minima!
Basta sapere giocare con i colori dei piccoli protagonisti ovvero blu, verde e rosso.
Abbiamo comprato tutto in questi colori alternandoli: tovaglia, tovaglioli, piatti, bicchieri e posate (Poi pazienza se la tovaglia ce la siamo dimenticati a casa).
La decorazioni sono state ancora più facili: avendo tantissime figurine doppie dei superpigiamini, abbiamo potuto utilizzarle sia per personalizzare i bicchieri che per fare i topper da mettere su panini ecc.
Per realizzarli basta incollare le figurine su un cartoncino avendo cura di infilare uno stuzzicadenti fra i due strati e poi tagliare.
Come ultima decorazione abbiamo disegnato e ritagliato i simboli dei Pigiamini su cartoncini colorati e ne sono uscite delle mini-maschere da usare come topper giganti.


Per la torta invece ci siamo affidati alla solita gelateria con immagine dei super eroi e in più c'erano il mitico tiramisù di mia zia, una crostata con farina di farro e marmellata di lamponi 100% vegan (qui la ricetta della frolla) e i muffin ricotta e cioccolato. Più tutto il salato!
Se cercate qualche idea in più, vi rimando alla mia bacheca di Pinterest dedicata proprio alle feste a tema Pj Masks!



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...