venerdì 3 novembre 2017

Il lupo che voleva cambiare colore / Orianne Lallamand


Quante volte vi è capitato di guardarvi allo specchio e non piacervi?
Almeno una volta vi sarà capitato e così pure al lupo protagonista di questa storia: un giorno si guarda e si rende conto di non amare più il suo colore così...triste.
Decide così di provare altri colori e di trovare quello più adatto a lui.
Lunedì si tinge di verde ma si sente una rana gigante.
Martedì si veste tutto di rosso ma questo colore fa troppo Babbo Natale.
Mercoledì si cosparge di petali di rosa ma ahimè sembra una principessa.
E così per ogni giorno della settimana: ogni nuovo colore sembra davvero quello giusto...prima di provarlo!

La domenica, ultimo giorno di prove di cambiamento, lupo va a caccia di pavoni e ne spenna uno intero: ricoperto dalle meravigliose piume del pavone, si sente davvero bello ma la stessa cosa la pensano tutte le lupe che non smettono di ronzargli intorno.
Ma arrivato a casa la sera, lupo si rende conto di non voler essere di nessun colore tranne che il suo nero: in fondo lui, è un lupo!

Una storia semplice pensata per farci apprezzare ciò che siamo: belle le illustrazioni, bellissima l'immagine del lupo che all'inizio della storia è triste perché non si piace mentre alla fine, presa consapevolezza di sé, sorride felice.
L'autrice dedica il libro "ai lupacchiotti che non si sentono belli e che invece lo sono, davvero".
Inoltre, da non sottovalutare, il prezzo è davvero molto buono.
Esistono vari titoli dedicati al lupo e una collana pensata anche per i più piccoli con lupo nella versione lupetto.

Il lupo che voleva cambiare colore
Orianne Lallamand & Eléonore Thuillier
Edizioni Gribaudo
€ 8,90

Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di HomeMadeMamma

lunedì 30 ottobre 2017

Trick or treat? Idee last minute per Halloween

Halloween è ormai entrato a far parte anche dei nostri usi: l'anno scorso abbiamo accolto in casa tutti i bambini del vicinato che ci hanno riempito il vialetto di coriandoli e abbiamo offerto loro chupa chups e caramelle.
Non vi dico quanto ci è voluto per pulire!!
Gli eventi a tema si trovano un po' dappertutto quindi chi vuole festeggiare ha decisamente ampia scelta.
Quest'anno siamo un po' ritardatari sulla preparazione per Halloween: ovviamente la lanterna a forma di zucca fuori casa non mancherà ma servono anche idee per accogliere streghe, mostri e fantasmi che verranno di sicuro a suonarci anche quest'anno.
Idee veloci e possibilmente d'effetto, come queste sotto: che ne pensate?

Fonte
Fonte


Fonte
E voi festeggerete Halloween?

martedì 17 ottobre 2017

Cinque cose che amo dell'autunno

Vi piace l'autunno?
A me piace molto, mi piace il passaggio tra l'estate e l'inverno, mi piace la temperatura che si rinfresca ma non solo!


Mi piacciono i colori dall'autunno: le foglie rosse e gialle che rendono gli alberi più dolci, il rosso delle melegrane mature, le ortensie che si scuriscono.
Mi piace perché ritorna il comfort food: vellutate, creme, zuppe e tazze di tisane fumanti che scaldano anche lo spirito, non solo il corpo!
Mi piace la temperatura mite che ti permette di fare una passeggiata o una gita senza sentirsi fiacchi per il caldo. Qualche giorno fa ad esempio siamo tornati al Parco della Preistoria e il clima era ideale!
Mi piace la coperta sul divano mentre si guarda un film ma anche leggere un libro nel letto sotto il piumino leggero: regalano una sensazione di pace!
Mi piace il ritorno alla normalità e alle abitudini post estate: la scuola, lo sport, la biblioteca il sabato pomeriggio..piccole cose che mi fanno amare questa stagione!
E voi cosa amate dell'autunno?

venerdì 13 ottobre 2017

La prima volta che sono nata / Vincent Cuvellier e Charles Dutertre

Oggi vi propongo un libro consigliato anche alle mamme, non solo ai bambini.

E' un libro piuttosto consistente che parla di prime volte attraverso gli occhi di una neonata che poi diventa bambina e successivamente adolescente e donna.
Le prime volte vissute da neonata a da bambina sono tenere ed emozionanti: la prima volta che si aprono gli occhi, il primo incontro con i genitori e una serie di prime esperienze che includono tutti i sensi come sentire la musica, mangiare la pappa o guardarsi allo specchio.
Ma anche il primo giro in autobus, il primo litigio con una compagna di scuola (la maestra ci ha punite e siamo diventate amiche), la prima stella cadente.
Crescendo le prime volte diventano più intense come il primo bacio, la prima delusione d'amore, il primo incontro con lui e i primi disastri culinari.
Per poi ritrovarsi a sentire i primi movimenti nella pancia fino all'incontro con la propria figlia:
la prima volta che sei nata tu, io sono nata per la seconda volta.


In questo libro troviamo una carrellata di prime volte che commuovono, divertono ed emozionano:  non sono tutte belle ed è giusto così perché la vita non ci riserva sempre sorrisi ma ci sono anche momenti tristi e delusioni da affrontare.
Ho trovato molto bello come gli autori hanno descritto la sua infanzia: con abbracci e coccole ma anche con cadute e rialzate.
Il testo è semplice, le illustrazioni dai bordi marcati occupano tutta la pagina destra e sono essenziali, senza troppi fronzoli.
Un libro che sa coinvolgere, vivamente consigliato a chi ha voglia di emozionarsi.

La prima volta che sono nata
Vincent Cuvellier e Charles Dutertre
Edizioni Sinnos
€ 13.00

Con questo post partecipo al venerdì del libro di HomeMadeMamma


lunedì 2 ottobre 2017

Auguri nonni!

Fonte web
Il 2 ottobre si festeggiano i nonni, figure importantissime nella vita di ogni bambino (e di ogni bambino cresciuto!).
È bello che ci sia un giorno stabilito per ringraziare una volta di più i nonni, un giorno per farli sentire ancora più speciali dedicato solo a loro e al loro ruolo di educatori, di compagni di gioco e di elargitori di qualche concessione extra!
In questo giorno si ricordano anche gli Angeli custodi, forse non proprio una coincidenza, che ne dite?
Auguri a tutti i nonni!

venerdì 15 settembre 2017

I colori delle emozioni / Anna Llenas

Questo bellissimo libro pop up parla ai bambini delle loro emozioni abbinandone ognuna ad un colore e descrivendo con frasi semplici come ci si sente ogni volta che si prova allegria, tristezza, rabbia, paura o calma.


Le emozioni vengono rappresentate attraverso il mostro dei colori che oggi si è svegliato un po' sottosopra e ha bisogno dell'aiuto di una piccola amica per rimettere ogni cosa al suo posto: ha fatto un pasticcio con le sue emozioni e così, tutte disordinate, non funzionano più.
La sua amica gli propone di metterle ognuna in un barattolo in modo che siano belle ordinate:
l'allegria è gialla come il sole splendente, brillante come le stelle e contagiosa come nessun'altra emozione
la tristezza è blu, lieve come il mare e dolce come i giorni piovosi
la rabbia è rossa come il fuoco che si fatica a domare
la paura, raffigurata col nero, ti fa perdere la fiducia in te stesso e ti fa sentire piccolo
la calma è verde come gli alberi e le foglie e ti infonde pace e tranquillità
Finalmente tutte le emozioni sono ben custodite in ogni barattolo e ora funziona tutto per il meglio!


Ho trovato questo libro davvero molto bello sia perché parla ai bambini delle loro emozioni in modo semplice ma non scontato sia per i pop up, bellissimi e mai banali, che si scoprono pagina dopo pagina.
Un libro che incanta e conquista pagina dopo pagina.

I colori delle emozioni
Anna Llenas
Edizioni Gribaudo
€ 19.90

Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di HomeMadeMamma



venerdì 1 settembre 2017

Oh, che uovo! / Eric Battut

Riprendo dopo una lunga pausa estiva con un libro pensato per i più piccoli per introdurre il tema della diversità partendo da tre semplici uova in un nido: una bianca, una nera e una con le macchie.

I primi ad uscire dal guscio sono l'uccellino bianco e quello nero mentre quello con le macchie rimane chiuso: gli uccellini però non vogliono un uovo con le macchie nel loro nido e cercano di buttarlo fuori.
L'operazione è più difficile del previsto e ben presto cadono tutti nello stagno ma gli uccellini non sanno ancora nuotare!
Dal guscio a macchie spunta una coda: lui sì che sa nuotare e i suoi fratellini si siedono sopra di lui per salvarsi.
E adesso sbucano anche due zampette e l'uovo con le macchie, così forte e veloce, porta gli uccellini verso casa. Davanti ad un precipizio sono costretti a fermarsi ma dal guscio sgusciano fuori due ali e l'uovo con le macchie porta tutti nel nido.
Adesso l'uccellino bianco e quello nero si sentono in colpa per aver cercato di cacciare l'uovo dal nido. Ed ecco che finalmente il guscio si rompe del tutto e sbuca fuori un uccellino rosso: i fratellini, mamma e papà sono felici di essere di nuovo tutti insieme!


Il primo istinto degli uccellini, così somiglianti ai loro genitori, è quello di non accettare l'uovo diverso da loro salvo poi ricredersi quando si rendono conto che l'uovo con le macchie, anche se respinto, sta facendo di tutto per prendersi cura di loro e portarli al nido sani a salvi.
In questa storia però sono presenti altre tematiche oltre la diversità come l'altruismo e l'amicizia ben rappresentati dell'uovo con le macchie.
Frasi ed illustrazioni semplici e immediate rendono questo libro adatto anche ai più piccoli.

Oh, che uovo!
Eric Battut
Edizioni Bohem
€ 7.80

Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di HomeMadeMamma


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...